Dieta mediterranea

Lo scorso week end sono stata impegnata con l’Associazione Olistica Albatros nella manifestazione “Casa Battipaglia” giovedì ho partecipato alla tavola rotonda “Mangiar bene è buona salute! La sana e corretta alimentazione come stile di vita” insieme a medici e dottori di un certo rilievo.

Qui vi lascio un mio recente articolo proprio inerente alla Dieta Mediterranea scritto per il sito www.vivandera.com.

Buona lettura

Il mercato delle diete è molto fiorente e ogni anno ne sboccia una nuova, di cui non si è certi né dell’efficacia, da un punto di vista di dimagrimento, né tanto meno da quello salutistico. Una sola dieta unisce questi due obiettivi in modo sicuramente ottimale: la dieta mediterranea,  salutare e varia e che può essere seguita da chiunque in ogni età e condizione fisica.

Tale dieta accumuna i popoli del bacino mediterraneo, ed è caratterizzata da:

  • un apporto elevato di vegetali (frutta fresca, verdura e legumi),
  • una buona presenza di pesce soprattutto azzurro,
  • cereali integrali
  • e grassi polinsaturi derivanti da olio extravergine di oliva, frutta secca e semi.

Il consumo di carne e prodotti lattiero-caseari sono raccomandati in quantità modeste ed è prevista una moderata assunzione di alcool consistente in un bicchiere di vino rosso al giorno.

Numerosi studi scientifici evidenziano che la dieta mediterranea ha la capacità di preservare lo stato di salute: rappresenta una vera e propria cura per chi ha già un problema di salute e per tutti gli altri è la migliore forma di prevenzione, inoltre migliora la qualità e la durata della vita.

Le sostanze nutritive presenti negli alimenti caratterizzanti tale dieta, hanno proprietà anti-cancro, anti-infiammatorie, anti obesità e contribuiscono al mantenimento dello stato di salute.

Analizzando la “composizione” della dieta mediterranea osserviamo che un posto di eccellenza è occupato dai cereali integrali (quali l’orzo, il farro, il grano saraceno) ricchi in fibre che favoriscono il buon funzionamento intestinale necessario per evitare stati d’intossicazione dell’organismo. I cereali integrali quando si accompagnano ai legumi (come spesso succede nella dieta mediterranea, pensiamo alla pasta e fagioli) rendono il piatto a elevato valore biologico paragonabile a tutti gli effetti (tranne che per quelli negativi) ad una fetta di carne. I legumi svolgono una importanze azione antiossidante e inoltre abbassano i livelli di colesterolo e riducono il rischio di diversi tipi di cancro.

La frutta e verdura che abbonda nella dieta mediterranea in ogni pasto, è ricca in Sali minerali e vitamine ci proteggono da varie malattie soprattutto legate al sistema  cardiovascolari nonché dai tumori, inoltre esse rafforzano il nostro sistema immunitario, osseo, visivo ecc.

Anche i grassi, presenti nella dieta mediterranea in quantità ottimale, offrono numerosi benefici, essi sono definiti grassi “buoni” perché proteggono il nostro sistema cardiocircolatorio dalla formazione delle placche arteriosclerotiche, oltre ad essere ricchi in vitamine con azione antiossidante.

Da queste poche righe si evince che la dieta mediterranea è il top da un punto di vista nutritivo e funzionale, purtroppo però negli ultimi anni è stata svilita e travisata assegnando un posto alle carni e ai formaggi più di rilievo a discapito dei vegetali.

In realtà la dieta mediterranea è “vegetale”: ricca in frutta, verdura, cereali, legumi e grassi “buoni” con qualche eccezione settimanale di pesce e di tanto in tanto di carne. Scegliere di seguire tale dieta nella nostra alimentazione quotidiana è sicuramente la migliore alternativa per preservare lo stato di salute, o “prenderci cura” anche con il cibo della malattia: non solo non avremo carenze nutrizionali ma assumeremo tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno insieme a sostanze protettive.